I sette strumenti del value stream mapping sono un gruppo di metodologie, basate principalmente su approcci gra ci, indicate dallo studioso Peter Hines nel suo libro “From lean to pro t” e nell’articolo “The seven value stream mapping tools”.

Tale collezione di strumenti si collocano in modo trasversale tra le diverse aree aziendali cercando di aiutare ricercatori ed esperti di lean production ad aff rontare una corretta identi cazione e riduzione degli sprechi in qualsiasi situazione. Solitamente, infatti, l’identfii cazione degli sprechi è vista come l’attività principale del processo kaizen e moltissime fonti bibliogra che trattano tale argomento con numerosi esempi applicativi, mentre le modalità con cui tali sprechi possono essere evitati ed eliminati sono state considerate molto meno dalla letteratura scienti ca e manageriale.

Hines fornisce dunque una descrizione di alcuni strumenti che, secondo la sua esperienza, possono colmare questa mancanza utilizzando una terminologia il più aderente possibile a quella delle realtà manifatturiere e quelle dei principi produttivi giapponesi.
I sette strumenti vengono presentati nei termini degli altrettanti sprechi già descritti in tutti i libri di produzione snella; in quest’ottica viene delineata la completa combinazione tra sprechi e strumenti VSM.

Una parte di questi strumenti non sono stati creati da P. Hines, ma erano già conosciuti alcuni anni prima della formalizzazione da parte dell’autore, in particolare due di questi sono completamente nuovi, mentre gli altri rappresentano una schematizzazione sistematica di metodi già in uso da diversi anni negli speci ci reparti delle aziende manifatturiere.

Sette strumenti del value stream mapping

Sette strumenti del value stream mapping

Tali strumenti sono:
1. Process activity mapping
2. Supply chain response matrix
3. Production variety funnel
4. Quality lter mapping
5. Demand ampli cation mapping
6. Decision point analysis
7. Physical structure