Questo articolo conclude la primissima parte del percorso sulle carte di controllo e su come vengono realizzate ed interpretate.

Interpretazione delle carte di controllo

L’interpretazione della carta di controllo è la parte più delicata nell’uso di questi strumenti e spesso i risultati sono legati sia alle conoscenze statistiche del consulente sia alla sua esperienza e capacità di legare la rappresentazione grafica alla realtà operativa del processo.

Dopo questa doverosa premessa possiamo elencare alcune situazioni tipo che indicano che un processo è fuori controllo:

  • uno o più punti cadono fuori dei limiti di controllo;
  • 2 punti su 3 consecutivi sono nella zona A dalla stessa parte rispetto al valor medio;
  • 4 punti su 5 consecutivi sono nella zona B dalla stessa parte rispetto al valor medio;
  • 9 punti consecutivi sono dalla stessa parte rispetto al valor medio;
  • 6 punti consecutivi sono crescenti o decrescenti;
  • ci sono 14 punti consecutivi che si alternano nella posizione rispetto al valor medio;
  • ci sono 15 punti consecutivi nella zona C.

dove con zona A si indica quella contenuta negli estremi media +/- 3sigma; zona B si indica quella contenuta negli estremi media +/- 2sigma; zona C si indica quella contenuta negli estremi media +/- sigma.